Perchè questo sito

Perchè questo sito

Con questo sito dedicato, l’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica vuole aprire un confronto pubblico sugli OGM partendo da un documento preparato da preparato da EuropaBio.

L’obiettivo è quello di promuovere una piena conoscenza sulle modifiche agli organismi vegetali, basata su fatti verificati e sostenuti da evidenze scientifiche.

A tal fine, riteniamo indispensabile che i contenuti del documento predisposto da EuropaBio (cioè di un soggetto portatore di un interesse specifico chiaramente individuato) siano passati al vaglio di ricercatori, esperti, altri gruppi di portatori d’interesse e tutti i soggetti interessati.

Il sito è aperto al commento moderato di chiunque ritenga di avere qualcosa da condividere nel merito e nel metodo dell’iniziativa.

Occorre solo registrarsi, rendendosi riconoscibili, e pubblicare commenti originali (possibilmente in italiano), citazioni di studi (anche in lingua), rimandi a lavori altrui oltre che interventi, sempre relativi al tema OGM, anche audio o video.

Il sito resterà aperto per 60 giorni al termine dei quali il documento verrà presentato alla stampa facendo tesoro di eventuali commenti e correzioni ricevute.

1 Comment on "Perchè questo sito"

Notificami
Ordina per:   più recenti | più vecchi | più votati
Deborah
Complimenti , trovo molto utile questa iniziativa. I contenuti sono davvero chiari e ben fatti. Da agricoltore posso dire che abbiamo un disperato bisogno di innovazione. Poter accedere agli ogm, in particolare al mais Bt, ci permetterebbe di avere un prodotto più sano e di evitare gli insetticidi; è assurdo che questo ci venga impedito, alla luce delle migliaia di studi che dimostrano che non è pericoloso, anzi. Inoltre abbiamo bisogno che l’UE decida in fretta sulle tante altre biotecnologie note complessivamente come NBT: la ricerca deve poter lavorare liberamente, fare prove in campo, e le imprese agricole devono essere… Leggi il resto »
wpDiscuz

Chi siamo

Fondata nel 2002 da Luca Coscioni, un economista affetto da sclerosi laterale amiotrofica scomparso nel 2006, è un'associazione no profit di promozione sociale. Tra le sue priorità l'affermazione delle libertà civili e i diritti umani, in particolare quello alla scienza, l'assistenza personale autogestita, l'abbattimento della barriere architettoniche, le scelte di fine vita, la ricerca sugli embrioni, l'accesso alla procreazione medicalmente assistita, la legalizzazione dell’eutanasia, l'accesso ai cannabinoidi medici e il monitoraggio mondiale di leggi e politiche in materia di scienza e auto-determinazione.

Login con il tuo Account Social